Strane creature mitologiche

Fino a qualche tempo fa ne avevo solamente sentito parlare, non accorgendomi, ingenuamente che ne avevo incontrate a bizzeffe, pensavo che apparissero come creature mitologiche con un doppio collo, una doppia testa e ovviamente una doppia faccia.Immagine Pensavo di poterle riconoscere a vista d’occhio, che avessero qualche tratto in comune, un doppio naso nascosto, invece niente, mi sono sempre accorta di questa loro caratteristica troppo tardi, quando avevano già svolto gran parte del loro “lavoro”.

Come in tutte le cose ci sono diverse varianti, esistono quelli che ti salutano che davanti a tutti dicono di adorarti taaaalmente taaanto e poi come giri le spalle aaaaahhhhh quante ne dicono, ci sono quelli che ti considerano solo quando sono soli, ma quando sono con gli altri nemmeno vedono che esisti; si dice che un amico si vede proprio nel momento del bisogno e certe persone in tale momento cercano di avere intorno più persone possibili in modo di ricevere comprensione a destra e manca, ma sapete qual’è il momento più divertente?

Un giorno “gli usati”, chiamiamoli cosi perchè per certa gente questo è il loro ruolo, si svegliano, fanno colazione e mentre sorseggiano il loro thè si rendono condo di come tal de tali si stia comportando male nei loro confronti, decidono perciò di rimanere al gioco ancora per un pò, aspettano l’ennesimo momento del bisogno e fanno di tutto pur di infastidire la creatura mitologica (solitamente si comporta in tal modo con le persone più deboli, nella speranza che non si accorgano di niente) che spera in un appoggio totale, questo purtroppo non ci sarà più e il nervosismo andrà alle stelle.

Mi sono spesso chiesta che senso avesse comportarsi cosi e non sono riuscita a trovare una risposta, magari inizialmente le persone si fideranno di voi, ma basterà poco tempo per capire come siete davvero… e sapete qual’è il miglior regalo che potete fare a chi vi credeva amici? Rimanere soli..

Pronti a raccogliere?

E poi… succede così, per caso, che ti svegli e decidi di dire basta, perchè si sa che in certe cose funziona cosi, se la decisione non viene da dentro non ce la farai mai. Tante altre volte il pensiero mi ha sfiorato ma non avevo abbastanza forza, nè voglia di darmi da fare. Adesso no, adesso basta è arrivato il momento di riprendere in mano tutto sopratutto me stessa. Forse è giunta l’ora di dare merito a quella gente di merda che ha sempre avuto da ridire, quella gente del cazzo che farebbe bene prima a guardarsi allo specchio prima di anche solo pensare di giudicare gli altri. Questo va a voi, ogni persona va bene cosi com’è, la perfezione non esiste, o meglio, pensate voi stessi di essere perfetti tanto da permettervi il lusso di giudicare gli altri? Andate in bagno, mettetevi davanti allo specchio e guardatevi bene, esatto, non lo siete! Le imperfezioni sono esse stesse perfezione, non c’è un canone da seguire, non ci sono leggi che dicono devi essere così e così per poter vivere altrimenti taaac decapitazioneno, non funziona cosi.Immagine Non siete voi esimie facce di cacca a dover decretare cosa è giusto e cosa è sbagliato, a dover decidere cosa va bene oppure no; siete liberi di decidere cosa piace a voi ma non avete nessun diritto di imporlo agli altri.

Mi auguro per voi che nessuno vi prenda mai sul serio, anzi spero che chi avete o state facendo stare male accetti la sfida, si guardi allo specchio e si dica io sono meravigliosa/o e quello che dice quell’ idiota non mi interessa, spero che venga da voi e che vi sputi in faccia, che vi umilii perché nemmeno le bestie si comportano cosi, perché gente cosi, che sta al mondo solo per rovinare la vita agli altri non merita nemmeno di esistere, perché se ne vanno in tanti, i fiori migliori dicono, e voi casi di immondizia umana siete ancora qua, e non è giusto, nemmeno un pò.

Ma ad ognuno il suo tempo, si dice che si raccoglie ciò che si semina… e non vedo l’ora di vedervi chinati nel mare di schifo che è dentro di voi.

 

Pxx

La facebookite

Molti anni fa numerose popolazioni si “estinsero” a causa di un mal comune, la carestia, al giorno d’oggi c’è una malattia incurabile chiamata facebookite che sta rovinando irrimediabilmente le ultime generazioni.

Immagine

Si comincia con una semplice iscrizione, nome, cognome e data di nascita; mi ricordo la mia prima apparizione nel sito il 5 novembre 2008, avevo 20 anni, si avete letto bene, ho specificato l’età, proprio per mettere in risalto il mio disappunto nel vedere iscritte bambine di 8/9 anni… mi chiedo ancora il senso di ciò. Tornando al discorso di prima appena mi iscrissi sinceramente non avevo nemmeno capito a cosa servisse tale sito ne cosa dovessi fare, scoprì subito l’area giochi e per un pò usai facebook solo per quello… (mi è capitato pochi giorni fa di andare a controllare gli anni passati tramite il mio profilo e non vi dico che risate mi sono fatta ahahahahahaahah), ancora non c’erano molti iscritti perciò il massimo dell apoteosi era scrivere uno stato (in realtà ne scrivevo un dietro l’altro) e ricevere anche solo un commento. Differenze con adesso? Beh tanto per cominciare iscritti sotto ai 10 anni numerosissimi, ovviamente molti di loro dichiarano di avere 18/20 anni, qualtità di foto/link pubblicati dai suddetti quasi imbarazzante, non so se vi è mai capitato di leggere di qualche 11enne che non ce la fa più a soffrire per amore. Dopo la fissa dei giochi (almeno io) scoprii le foto perciò iniziai a pubblicare milioni di album della neve, delle vacanze al mare del giardino di casa, ovviamente il soggetto principale era ciò che descrivevo nel titolo, se l’album si intitolava “Montagna 2009” c’erano ovviamente le foto della vacanza in montagna di quell’ anno, avete mai fatto caso a come sono adesso gli album di foto? “Mare 2013” 90 foto: lei in pose ammiccanti, lei in costume sullo scivolo, lei in minigonna sulla sdraio, lei nel balcone in mutande che fa finta di coprirsi e cosi per tutte le altre foto esclusa una, la classica fatta dalla terrazza dell albergo per far intravedere il panorama. Per non parlare poi dei rapporti sociali, all inizio facebook era solo un passatempo, un minuto per staccare la spina e navigare in un mondo di leggerezza, adesso è diventato vita reale, adesso le amicizia sono qui, le chiacchiere da bar di una volta si svolgono in chat, un sorriso naturale adesso è una faccina. Premesso che ho un migliaio di amici nel sito (tranquilli non li conosco tutti, ma frequentando il mondo del tuning ed avendo anche organizzato degli eventi insieme al mio club è lìunico modo che ho per mantenere contatti con persone che vivono lontane da me) spesso mi capita di essere contattata da alcuni di loro anche per un semplice come va, che male c’è, anzi… peccato però che poi certe persone le incontri dal vivo e nemmeno ti rivolgono parola… Svegliaaaaaaaaaaaaaaaaaa la vita vera è fuori e non dietro a questo cavolo di pc.

E’ giusto avere quelli che una volta chiamavamo “amici di penna” è giusto condividere link e stati, ma non confondete facebook per un diario personale, ai vostri millemila contatti non interessa quante volte andate in bagno o se fate la doccia prima o dopo aver dormito, non gli interessano le vostre foto con la bocca “a culo di gallina” e nemmeno i vostri link allusivi a persone o fatti, ma sopratutto spesso ai vostri contatti non interessa niente di voi. Sono gli amici quelli con cui dovete condividere voi stessi a loro potete dire di tutto, con loro potete fare le foto stupide e sopratutto non avrete bisogno di link per fargli sapere qualcosa; non sostituite la vita reale con il mondo virtuale, vi siete mai chiesti cosa fareste un giorno quando facebook non esisterà più? andrete in giro con cartelli raffiguranti link o con su scritti sopra degli stati per dire le cose alle persone?

Vi lascio con una frase che da un idea ancora più chiara di quello che sto dicendo: “La gente di questa generazione non parla, sa solo scambiarsi dei link”.

 

Pxx

A. A. A. cercasi abbronzatura…

Finalmente si parte, venerdi ore 6 in punto auto caricata e tanta voglia di vacanza in tasca, auto decisamente accellerata, preoccupati di perdere il traghetto fino all ultimo arriviamo a Piombino alle 8 in punto, avevamo solo mezz’ora, a quel punto ci ha fermato la pattuglia (normale controllo di documenti) momento meno azzeccato no eh? Via di corsa, parcheggio custodito, scesa delle valigie e rapidiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii in biglietteria “4 biglietti per Cavo“, partenza con l’aliscafo (taaaaaanta roba) 15 minuti esatti ed eravamo all Elba, il mio paradiso. Ore 9 ovviamente i genitori non erano stati avvisati, ci è sembrato giusto precipitarci subito a casa e…. Svegliaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa !!!!!!! Costume e telo alla mano via in barca, tutti a bordooooooo direzione Palmaiola… Ogni anno questo posto riesce sempre a stupirmi, acqua meravigliosa e che posti !!Serata a vedere i fuochi artificiali a Rio Marina in barca in assoluto silenzio… da brividi! 2° giorno direzione Capo Bianco… ecco, avete presente una piscina, noi eravamo li, solo con l’acqua salata. 3°ed ultimo giorno Porto Ferraio woooooooooooooooooooooooooooooow un altra piscina, calettina tranquilla, acqua a 27° gradi, come si fa a non definirlo paradiso? L’unico problema? le meduse…. di tutti i tipi, di tutti i colori quando più, quando meno ma sempre intorno alle palle ! Sono dell idea che non c’è bisogno di andare a cercare mari in capo al mondo, dovremmo prima girare e conoscere bene la nostra Italia, vi stupirete vedendo certi posti, e poi vivere il mare in barca è un emozione unica, fare il bagno in 40 mt d’acqua e vedere il fondale è stupendo. L’isola d’Elba non è grandissima ma ci sono delle spiagge che tolgono il fiato, purtroppo non tutte sono raggiungibili ma con il passare degli anni ho notato che sono stati creati numerosi sentieri per permettere di usufruirne. Non credo ci sia nemmeno da dirlo ma le migliori sono quelle libere, e che divertimento partire da casa la mattina presto armati di ombrellone, teli sottobraccio e qualche panino per il pranzo. Chi è abituato a Rimini/Riccione (sarebbe mare quello?) forse riscontrerebbe alcuni problemi, sicuramente la sera non c’è la vita che c’è nella riviera romagnola, è tutto più tranquillo, ma il posto ideale per godersi il mare! E poi non è nemmeno cosi lontana. Purtroppo i 3 giorni sono finiti subito ma ne vale sempre la pena.

Abbronzata (non sono riuscita a fare miracoli) ed un pò nostalgica sono di nuovo a casa, ed anche per quest’anno è finita la pacchia!

A presto,

Pxx

ImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagineImmagine

25. Donna.

Se non ci fosse dovrebbero inventarlo.Di cosa parlo? Se non lo avete capito dal titolo evidentemente non conoscete il sito che ultimamente leggo spesso, si possono leggere segreti inconfessabili… non avete ancora capito? Va bene, ve lo dico, oggi parliamo di…….. rullo di tamburi…. INSEGRETO!!!

Ho scoperto questo sito/app un paio di mesi fa, per caso tramite una pagina facebook che pubblicava link dei segreti provenienti dal sito, e mamma mia!! Inutile dire parlare del mio stupore nel leggere che davvero i tempi sono cambiati. Non è passato molto tempo da quando avevo l’età di alcune delle “scrittrici di segreti” ma non trovo nessuna somiglianza tra me/le mie coetanee e la nuova generazione; Innanzitutto non passavamo giornate intere al computer ma fuori con le altre amiche a praticare sport oppure semplicemente quattro chiacchiere, almeno io non andavo in discoteca fino alle 5 di mattina, ne mi ubriacavo fino a svenire, perché c’erano altri modi di divertirsi, credo che adesso non conoscano niente di diverso a quello che fanno. Volete conoscere qualche segreto delle 17enni/16enni di adesso? Lo so che siete curiosi: Inizio dicendo che l’argomento principale è il sesso, tanto per citarne qualcuna:

  • “Voglio praticare la pecorina con il mio ragazzo ma lui è stupido e pensa che non mi piace”
  • “dormo da mio nonno perché a casa sua posso masturbarmi e lui non se ne accorge”
  • “per il mio compleanno il mio ragazzo mi disse che non poteva essere presente peccato che per farmi una sorpresa ha aperto la porta di camera mia con un regalo cantando tanti auguri a teee e mi ha beccato a letto con il mio scopamico”
  • “ho dovuto mettere l’apparecchio al palato e adesso non ce la faccio più, non posso praticare sesso orale e ne avrò ancora per tre mesi”.

Ovviamente nel sito ci sono segreti inviati da uomini e donne di tutte le età e chi come me ogni giorno si connette per leggere qualcosa di nuovo ne trova delle belle; Ma adesso completiamo il quadro femminile, vediamo cosa scrivono un paio di ragazze dai 20 hai 30:

  • una 18enne ci informa “Voglio far sapere ai ragazzi della mia classe, i soliti spacconi che prendo piu donne di loro”
  • “Per paura di tradire il mio ragazzo, ho un passato da amante, non mi faccio la ceretta così se capita l’occasione rifiuto l’invito a causa della mia condizione” una 26nne preoccupata quando il fidanzato si assenta per lavoro.

Come si può notare molte ragazze scoprono davvero presto la loro sessualità, e non venite a dirmi che anche 10 anni fa era cosi perché non è vero, nessuna mia amica mi ha mai confessato di essere bisex/omosex, non sto insinuando che oggi molti lo facciano per moda anzi, non ci vedo niente di male ma è strano quanto adesso molte ragazze non siano attratte dai ragazzi ma dal loro stesso sesso. Volete sapere cosa pensano invece le donne dai 40 ai 50?

  • “sono incinta di un ragazzo di 23 anni e non ho mai vissuto un momento migliore” una 50enne che ammette di sapere quale sarà il giudizio della gente intorno a lei ma non le interessa.
  • una 45enne dice “sono sposata ma regolarmente mi scopo il mio miglior amico” 
  • una 40enne che riserba molte sorprese dice “sono una donna a metà, l’ho sempre tenuto segreto, anche quando ho incontrato il mio uomo e siamo arrivati al giorno del matrimonio senza che lui sospettasse nulla (sono all antica e non mi sono concessa prima). Il problema si è presentato quando il luna di miele ha scoperto che sono più dotata di lui.

La cosa che si nota maggiormente è la forte tendenza della donna matura sia nella ricerca di un uomo molto più giovane, sia nel tradimento con il miglior amico o comunque con qualcuno di molto vicino.                                                                                                             

Ehi pensate che risparmieremo i maschietti? sbagliato!! Vediamo un po i più profondi segreti degli uomini dai 25 ai 35 anni:

  • un ragazzo di 25 anni dice “sono stato beccato a gemere mentre ero in dolce compagnia sotto la doccia da mia madre, ho sentito l’amica di mia madre dire <Sarà con la sua nuova fidanzata> vi lascio immaginare la loro faccia quando uscimmo dal bagno… ed ero con il mio ragazzo”
  • “Spendo 1000 euro al mese in escort, mento a mia moglie sullo stipendio”
  • “Sono un tatuatore e quando scoppiò la moda delle scritte in giapponese tutti mi chiedevano di scrivere qualcosa di figo… peccato che si ritrovavano un tattoo con la frase Scemo chi legge”
  • “Sono un poliziotto, da giovane mi sono tatuato la scritta A.c.a.b. sulla schiena, adesso i miei colleghi si chiedono come mai non mi tolgo mai la maglia”

Quello che notiamo anche negli uomini è che il tema centrale è il sesso, non importa con chi ma basta farlo, si nota inoltre l’animo giovanile anche se fanno parte della fascia adulti, non a caso peter pan era un maschio. Quali scheletri nell armadio avranno uomini più grandi? andiamo a scoprirli, ecco a voi i 40 e i 50.

  • “Sono sposato ma gay e non so come dirlo a moglie e figli”
  • “Io e mia moglie volevamo provare qualcosa di diverso, ci recammo cosi in un locale di scambisti, trovai mia figlia con il suo ragazzo”
  • “Mi faccio la migliore amica di mia moglie da 4 anni e lei ancora non si è accorta di niente”
  • “Mi piace indossare collant, ultimamente metto anche un plug e costruisco una cintura di castità eppure mi piace dominare le donne”

Il tradimento è sempre al primo posto anche per la fascia di età più alta anzi potrei quasi dire che più aumenta l’età maggiore è il numero di tradimenti, il tema dell omosessualità è sempre presente e in maggior numero in questa fascia di età, chissà forse la curiosità di provare qualcosa di nuovo poi fa scoprire un lato di noi stessi che non conoscevamo.

Quello che ritroviamo in gran parte dei segreti è la “paura” di essere osservati, molti addirittura mettono lo scotch nella webcam, ci sono un sacco di genitori che ammettono di trovare ed usare l’erba dei loro figli e molti figli che trovano preservativi in giro per casa usati oppure messaggi nei telefoni del padre o della madre da parte dell’ amante.

C’è anche chi usa il sito per scrivere qualcosa che lo/la angoscia qualcosa di pesante, c’è chi si chiede come mai viene deriso dai propri amici solo perché passa molto tempo con suo nonno malato di alzheimer, ho letto inoltre di un ragazzo che lavorava dietro le quinte di un quiz televisivo e quando si presentò una sua compaesana (disse che sperava di vincere per poter fare un viaggio ma lui sapeva che aveva una figlia gravemente malata che poteva essere curata solo a Sidney) le ha dato tutte le risposte… a queste e tante altre persone viene da dire che sarebbe un mondo migliore se tutti fossero come loro!

Un altro tema che va per la maggiore è “l’amore non confessato” come quello di un ragazzo che chiede un patto alla sua miglior amica “se a 28 anni nessuno dei due ha trovato l’amore della sua vita ci sposiamo” il problema è che lui la ama da sempre. Purtroppo questo succede spesso ma la paura di confessarlo e perdere così un amicizia è troppa.

Ed adesso quelli che preferisco io, li chiamo i segreti a lieto fine, qualche esempio?

  • Qualche anno fa ero fuori una discoteca e non sapevo come tornare a casa.Dei ragazzi facevano avanti e indietro con il motorino, impennando. Per scherzo gridai a uno di loro ” se hai benzina da sprecare riportami a casa!”. Lo fece. Domani ci sposiamo.
  • Quando ero piccolo i miei adottarono una ragazzina a distanza della mia età. Mi dissero che non avevano più soldi per mantenerla, cosi misi le mie paghette da parte e a 18 anni la invitai in Italia e le pagai il viaggio. Domani le faró la proposta di matrimonio dopo 2 anni di fidanzamento…
  • Quando avevo 16 anni ero fuori da una gelateria e mi si avvicinò un ragazzo dicendomi:”Ma noi ci siamo già incontrati!”E io”Davvero?E dove, che non ricordo”. Lui mi rispose”Nei tuoi sogni” e cominciò ad intonare la canzone della Bella Addormentata Nel Bosco. Domani diventerà mio marito.

Chissà se qualcuno di voi visiterà il sito, io ve lo consiglio, è il modo ideale per passare il tempo e per rendersi conto sopratutto nel mondo in cui viviamo, bhe che aspettate andate a leggere qualche segreto anche voi!!

Pxx

Il mio piccolo grande mondo

Penso sia giunto il momento delle presentazioni ufficiali, diciamo che con i primi due articoli potete aver capito solo una piccola parte di quello che sono.

Mi chiamo carlotta, ho 25 anni (per l’esattezza 24 e mezzo), sono nata in pieno inverno (29 dicembre), forse dipenderà anche da questo il mio amore per la temperatura sotto zero e la neve, ma volete mettere un meraviglioso paesaggio tutto bianco, i bambini che giocano e fanno a pallate contro il caldo afoso di adesso… nahh non c’è proprio paragone; Ritorniamo a noi, vivo a Castiglion Fiorentino un paese vicino ad Arezzo, per chi non ci fosse mai stato ve lo consiglio, è molto carino, il paesaggio è bellissimo e ci sono un sacco di posti da visitare.

Frequento la facoltà di psicologia a Firenze (sono una pendolare e sinceramente non mi è mai passato nemmeno per l’anticamera del cervello cercare un qualsiasi tipo di appartamento li), perché psicologia? perchè vorrei aiutare le persone, quelle persone che si chiudono in se, mi piace ascoltare e cercare di dare dei consigli per alleviare un dolore o per cercare di strappare un sorriso. La mia passione però è verso i movimenti del corpo, lo sapevate che con un interlocutore come me è difficile mentire? ci sono un sacco di segnali che il nostro corpo in primis e poi la voce trasmettono… e si sa con la voce si può facilmente mentire ma basterà osservare attentamente per scoprire che le parole non sono veritiere. E no, non è facile evitare tali segnali, sono talmente spontanei che un occhio poco esperto nemmeno li coglie. Non potete immaginare quanto divertente può essere ascoltare qualcuno e vedere benissimo che sta inventando tutto.

Sport? Ehmmm Ehmmm ho iniziato da piccola con il nuoto, poi però non riuscivo a conciliarlo con la scuola (mi è dispiaciuto un sacco, e la passione per l’acqua mi è rimasta tutt’ora) poi sono passata alla pallavolo, bella!!!!… purtroppo però non è andata bene, ho avuto un problema ad una spalla, ed era da matti continuare a rischiare, ora come ora mi limito a farmi delle belle camminate nella campagna intorno a casa mia, rilassantissime e poi wow, che paesaggi.

Passioni? La mia attuale passione mi era sconosciuta fino a 4 anni e mezzo fa, il tuning, sapete cos’è?… è pura arte! avete presente un museo con le opere di Van Gogh? ecco cos’è un raduno/ritrovo, è una mostra. Questo è un mondo fatto di musica, di passione e di amicizia, di condivisione, di crescita personale e di confronto con gli altri. Ci sono i raduni con le coppe e quindi anche giudici e strumenti di misurazione, ed anche i ritrovi expo, organizzati all insegna del divertimento e dell amicizia, sono proprio queste le occasioni che ti fanno capire com’è la gente, tutti a dire “non so più che farmene delle coppe” “tutta latta inutile” e poi a tali eventi non si presentano mai, peccato, vi perdete sempre delle bellissime giornate/serate. L’amore per questo mondo lo devo al mio ragazzo, a lui e alla sua macchina stupenda, mi ha insegnato a conoscerla, mi ha avvicinato a tutto questo e non c’è una volta che io non mi sia divertita. Abbiamo il nostro club “Only For Passion Tuning Club”, conta diversi membri, (modestia a parte) siamo davvero un bel gruppo, ci vogliamo bene e ci aiutiamo tantissimo in qualsiasi cosa.                       Amo inoltre la fotografia, mi piace un sacco fare foto ed anche farmele fare, adoro l’attimo fermato nell immagine, il momento che resta fermo anche con il passare degli anni ; come detto nell articolo precedente tra le mie passioni c’è anche la lettura, viene da se poi l’amore per la scrittura, tengo un diario segreto all anno da quando ho 14 anni, mi piace un sacco prima di dormire mettermi li e scrivere, ricordare la giornata, le sensazioni ed anni dopo rileggere le parole è un emozione unica.

Per adesso basta, scoprirete altro di me, da quello che scrivo, dalle parole di una persona si può scoprire l’anima della stessa.

Pxx

Chi è Gary?

Immagine

Si, penso proprio che la biblioteca del mio paese potrebbe invidiare la mia collezione storica di libri, le mensole non sopportano più il peso, ho creato per loro tutto lo spazio possibile ma sono finita ad ammassarli uno sopra l’altro in un incastro, come a legare le storie che contengono.

Libri, si, nel vero senso della parola, con le pagine e quel profumo meraviglioso che emanano; Sono contro tutte quelle cavolate tipo e-book e libri scaricabili, mi chiedo sempre come si possano vivere le parole tramite uno schermo, il bello del libro è proprio sfogliare le pagine, fare l’orecchio in alto per ricordare dove eravamo rimasti.

Adoro leggere, mi piacciono le storie, mi diverto ad immaginarle a dare un volto a tutti quei personaggi, e scorrendo le righe sembra quasi che il film sia li, nella mia testa.

Il problema è che molte volte non è cosi, mi è capitato spesso di leggere libri bellissimi e poi fare la fila al cinema per vedere se tutto quello che avevo fantasticato si sarebbe avverato e……taaaa daaaaa che delusione!!! Ogni dannata volta, proprio vero che è impossibile sostituire quelle pagine.

 

Mi perdo nelle biblioteche nei negozi di libri, leggo e rileggo tutte le copertine, tutti i vari commenti nel retro a quel punto ho deciso, è quello che voglio… fino a che 2 passi più a destra vedo un titolo che mi cattura, poso la prima preda e mi dedico alla seconda per poi notare poco più in alto qualcos’altro che mi attira ancora di più. Ho pensato spesso che se avessi la possibilità di lavorare in un negozio del genere potrei respirare sempre quel profumo, potrei leggere di tutto e tutti i libri che voglio, ma poi so che la tentazione di aggiungerli alla mia “collezione” sarebbe fortissima.

Ad oggi ne ho 193 diciamo che il genere è pressoché lo stesso, mi piacciono le storie d’amore (la classica sognatrice romantica), mi piace tutto quello che mi fa restare con il fiato sospeso, che non mi fa staccare gli occhi dalle parole, amo la sensazione di non poter nemmeno respirare se non riesco a finirlo con la curiosità di scoprire se i due personaggi principali finiranno insieme oppure no e se il finale lascia capire che ci sarà un seguito, wow, un altro libro di loro.

 

Adesso sto leggendo “Alla ricerca del mio angelo custode” di Caroline Smailes, commovente fin dalla prima pagina, è un romanzo che affronta un tema difficile, quello del suicidio e dell abuso su minori , la scrittrice ha uno stile talmente appassionante da renderlo molto interessante.

 

Scrittore preferito?…. ovviamente Guillaume Musso, ho praticamente tutti i suoi libri, adoro le parti di poesia o di canzoni che scrive prima di ogni capitolo per non parlare delle storie che racconta sono quelle con cui ho sognato di più tra tutte.

 

Il segreto?

 

Ho sempre un lapis o una matita a portata di mano, pronta a sottolineare qualche frase, qualche passaggio, presente quelle parole che ti colpiscono talmente tanto che torni indietro per rileggerle ancora ed ancora?… ecco sono quelle che evidenzio…

 

uhmmmmmm ce n’è un altro…

 

Ci resto male se il libro non è dedicato a nessuno, solitamente nella seconda pagina dopo la copertina c’è una dedica, ed a me piace un sacco leggerla su ogni libro e chiedermi tutte le volte a chi possa appartenere quel nomee perchè sia li, in questo caso “al mio Gary”.

 

Per chi non lo fa, ritagliatevi anche solo 2 minuti della giornata per leggere qualcosa, qualsiasi storia saprà far volare la vostra mente, vi porterà in mondi fantastici, a spasso nel tempo, a curiosare in una vita non vostra ma che vi sembrerà tale.

 

Pxx

Amici, questi sconosciuti

Immagine

 

Ho sbagliato il titolo? Uhmmmm direi proprio di no…

Purtroppo si sa, nel corso di una vita media sono più gli “amici” che perdiamo rispetto a quelli che acquisiamo.

Fortuna?

Sfortuna?

Non so, ma so per certo che alcune persone è stato meglio perderle che trovarle.

 

Noi donne siamo famosissime per le nostre amicizie, vi siete mai chiesti perche un’amicizia tra uomo e donna è più duratura rispetto a quella tra due donne?

In tanti dicono che l’amicizia tra sessi diversi sia l’anticamera dell amore, si mormora che prima o poi uno dei due cada colpito dalla freccia di Cupido, nahhhhhh tutte cavolate!!

Esiste e per quanto mi riguarda è assolutamente vera, disinteressata, sincera, leale e assolutamente degna di nota.

Purtroppo quello che a volte capita tra due donne è totalmente diverso, si inizia con le migliori speranze ma poi si inciampa nell invidia e tutto si perde in una nuvola di fumo.

 

Secondo voi su cosa si fonda l’amicizia?

Sulla simpatia?

sullo stesso stile di vita?

A volte sembra quasi che rappresenti la relazione più intima che esiste nella vita ecco perchè è talmente rara.

 

Purtroppo ho avuto diversi tipi di amici;

 

C’è quell’amica che conosci da una vita ma che non vedi mai, tutti potrebbero pensare che il vostro rapporto non è vero ma si sbagliano perchè ogni volta che vi incontrate ricominciate da li dove avevate lasciato in sospeso, non vedersi tutti i giorni non significa non essere amici.

 

C’è l’amica “indecifrabile”, quel genere di persona che pensavi di conoscere come le tue tasche ma che in realtà cela più volti di un negozio di maschere, i primi tempi la definirai lunatica (le vuoi troppo bene per pensare male di lei), con il passare degli anni comincerai a capirla e scoprirai che agisce con cattiveria nascondendo poi tutto dietro una faccia da dolce angioletto. Questa tipa solitamente la incontri tutti i giorni, eri abituata a confidarti con lei a condividere i tuoi segreti più “pericolosi” ma poi arriva quel giorno, ed è brutto arrivare ad avere la consapevolezza che hai perso un sacco di tempo, che quella base solida che credevi di avere è crollata come un castello di sabbia, tutto quello che fa ti fa porre delle domande, non credi più in lei, non le racconti più nulla di te.

Si dice che quando una persona cerca insistentemente un altra, con le scuse più assurde abbia qualche risentimento ed anche questo è stato la conferma di quello che pensavo. Io ci ho provato, ho stilato una lista dei pro e dei contro e con mio enorme dispiacere i contro erano in maggioranza.

Ci siamo ufficialmente perse, ma non ha fatto male non mi è crollato il mondo addosso, si avete capito bene, perche quando si perde un amico è questo che succede, ti senti strano, sai di aver sbagliato tutto, vorresti dire tante cose ma il nodo alla gola non ti consente di farlo. Ci siamo semplicemente “scivolate”, ancora vicine, nei luoghi ma non nel cuore e chissà se consapevoli entrambe della voragine che c’è tra noi adesso.

Se solo tu fossi più sincera, con te stessa principalmente e poi con gli altri sarebbe tutto diverso.

 

C’è quella “sconsigliata”, quella a cui tutti ti dicono di non avvicinarti, ma che ti attrae talmente tanto che non puoi farne a meno… fai talmente tanta fatica a stare dietro ai suoi cambiamenti umorali che poi ti stanchi cominci a vederla per quella che è e capisci che tutti gli altri avevano ragione, si può solo definire un ex amica una persona che litiga con te e lo scopri da uno stato su facebook, uno stato in cui dice che tutte le persone che ti sono vicino ci sono solo perchè gli fai comodo, dice che tutti ti usano ma che in realtà non ti sopportano (non sei stata fine ed educata cosi ma non ti assolmiglio nemmeno lontanamente perciò non scriverò alla lettera), cancellando poi lo stato e te dalla sua vita.

Cara ex amica l’unica cosa che mi viene da dirti è GRAZIE, GRAZIE per esserti autoeliminata, grazie perchè mi fai fare delle risate che nemmeno immagini.

 

Poi c’è lei, quella che quando sorride si illumina, che sa quali sono le parole giuste, quella che sa quando deve esserci e quando hai bisogno di un attimo di solitudine, quella che ti ha trovato in ginocchio ti rialza e ti insegna a camminare di nuovo, quella che ti guarda negli occhi quando ti parla.

Quella che se vi fanno una foto a vostra insaputa siete tutte e due nella stessa posizione, quella che quando vede la foto ci fa caso, si perde dei dettagli e sorride insieme a te.

L’unica cosa che posso dirti è che sono felice di averti finalmente trovato dopo tanti anni di ricerca, un raggio di sole in mezzo alla falsità di questo mondo.

 

Poi ci sono tutti gli altri, I conoscenti, non sono amici, ma nemmeno estranei, puoi passarci ore insieme, puoi parlarci di tutto ma saranno sempre lontani da te e da quello che sei, quelli che quando tirerai le somme non ti accorgerai nemmeno che esistevano.

 

Come potete notare non ho fatto nomi, chissà se qualcuno di voi si riconoscerà in questo, sicuramente si, siete tutti svegli e molti anche con una gran coda di paglia.

 

Per adesso saluti.

PXX